Carissimi siamo lieti di invitarvi tutti all’inaugurazione della struttura di prima accoglienza “La Casa di Francesco” che si terrà il prossimo 5 Marzo.
Il grosso dei lavori è stato completato rendendo possibile l’apertura ufficiale della struttura. Tanto resta ancora da fare ma confidiamo nella provvidenza e soprattutto nella verità evangelica del granello di senapa…

«A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? Esso è come un granellino di senapa che, quando viene seminato per terra, è il più piccolo di tutti semi che sono sulla terra; ma appena seminato cresce e diviene più grande di tutti gli ortaggi e fa rami tanto grandi che gli uccelli del cielo possono ripararsi alla sua ombra.» (Marco 4,30-32)

SCAFATI. Riprendono i lavori strutturali per concludere la Casa di Francesco. A non fermarsi mai, invece, sono gli aiuti umanitari. L’autunno è vicino e anche quest’anno don Giuseppe De Luca, a Scafati meglio conosciuto come don Peppino, non ferma la sua macchina della solidarietà. Se i lavori per struttura della parrocchia di San Francesco di Paola vanno a rilento per motivi economici, in realtà, il centro di accoglienza in sé non ha mai smesso di funzionare mettendo a disposizione i propri servizi a favore di chi vive momenti di difficoltà. «La settimana prossima ricominciano i lavori che avevamo interrotto verso metà agosto. Ora ci servono gli ultimi soldi per terminarla ma l’idea, il nostro desiderio, sarebbe di vederla finita per l’inverno», ha raccontato don Peppino, punto di riferimento per l’intera comunità scafatese. Una scelta non causale, infondo, se si pensa che dal 17 gennaio scorso la parrocchia ospita ben cinque persone con l’intento di fornire un letto, un tetto, un posto caldo e sicuro dove trascorrere la notte. Tra questi anche due scafatesi che usufruiscono dei servizi messi a disposizione dai volontari guidati dal sacerdote. «Quando parlo della Casa di Francesco intendo le persone che ci sono dentro. Ad oggi “ospitiamo” due scafatesi, un signore originario di Torre Annunziata, un signore dell’Est Europa e un marocchino che ormai si può definire scafatese», ha detto il parroco.

Al momento per questioni di spazio tutti e cinque condividono la stessa stanza ma i locali della Casa di Francesco in costruzione hanno proprio l’intento di facilitare i servizi, incrementare il numero di persone e ridare la giusta dignità. Per concludere la Casa servirebbero circa altri 50mila euro, quasi quanto si è speso fino ad oggi, ma ciò che è sicuro è che nel frattempo la struttura è già aperta e lo è grazie a chi ne fa parte ogni giorno e condivide una parte di sé per donarla agli altri. Al momento i lavori sono a metà mancano circa 50mila euro per concludere. «Riprenderemo le nostre attività come abbiamo sempre fatto tra il teatro, la raccolta delle offerte per continuare il progetto. Sono stati spesi circa 40mila euro ad oggi grazie anche ad un premio vinto di 15mila euro e 5mila euro che ci ha donato il Comune», ha concluso don Peppino. L’appello, dunque, è stato lanciato per raggiungere la cifra economica ma intanto sono sempre di più le persone che vogliono contribuire e dare una mano a tutti i volontari scafatesi della Casa di Francesco.
DOMENICO GRAMAZIO

visualizza pdf articolo

Carissimi amici,
attraverso la prossima dichiarazione dei redditi, potete dare un sostegno concreto alle attività del progetto “LA CASA DI FRANCESCO” destinando il 5 PER MILLE delle vostre imposte ALL’ASSOCIAZIONE EMMAUS – ONLUS

Una firma che a voi non costa nulla ma che per noi vale tanto!

Indica il codice fiscale dell’Associazione EMMAUS ONLUS 94067890650 nel riquadro “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale…

Visualizza la locandina

L’arte del gusto, secondo appuntamento nella rassegna dei “social events” promossi dalla TEKLA s.r.l., è un workshop esperienziale che condurrà i partecipanti in un dialogo simbolico tra vino e arte, coinvolgendo olfatto, tatto, gusto e vista.

La degustazione di vini a cura dell’azienda agricola Poggio delle baccanti introdurà l’elemento protagonista del workshop: il vino. A seguire, i partecipanti saranno invitati a vivere un’esperienza di pittura con il vino.

>> Intoduzione a cura di Raffaella Barbato <<

Lasciarsi ispirare dai profumi e della tonalità calde del vino, dalla corposità del suo sapore e dalle inebrianti suggestioni che è capace di suscitare, per catturare in un’immagine le emozioni di un viaggio esperienziale nel gusto. Vi aspettiamo per condividerlo insieme!
Uno tra gli elaborati realizzati sarà selezionato per produzione delle etichette di 4000 bottiglie di vino, dalla cui vendita sarà ricavata un somma di denaro a sostegno del progetto di solidarietà La Casa di Francesco

// L’evento è gratutito ma soggetto a un numero limitato di posti disponibili // Obbligatoria la prenotazione
eventbrite.it
eventi@teklaweb.it
3491301071

Visualizza la locandina dell’evento

SCAFATI. Percorrere le vie del tenitorio, di sera, fino a tarda ora, per dare conforto alle persone disagiate, a chi della strada ha fatto, per necessità, ta sua casa… È la lodevole iniziativa che questa sera sarà messa in campo da un gruppo di persone della parrocchia di San Francesco di Paola, uomini e donne, ragazzi e ragazze, tutti uniti da uno stesso comune obiettivo: essere d’aiuto a chi ne ha bisogno.

Saranno una ventina e si daranno appuntamento stasera, alle 20.30, davanti al tempio di San Francesco per dare concretezza alla loro iniziativa: per dare un conforto a chi dorme in strada su una panchina piuttosto che sul ciglio del marciapiede, offrendo una coperta, un panino o una bevanda calda. Ovviamente ci sarà con loro anche don Peppino De Luca, parroco della chiesa di San Francesco ed instancabile guida del gruppo parrocchiale.
Hanno scelto di chiamarsi “Gli Amici di Stefano” in ricordo di un ragazzo che viveva per strada e che un giorno, qualche mese fa, fu trovato morto su una panchina, nell’area parcheggio di un supermercato, dove aveva dormito. Non
una vittima del freddo, ma della solitudine sì: «Stefano era un nostro amico – spiega don Peppino – e proprio nel suo ricordo i ragazzi della parrocchia metteranno in campo questa lodevole iniziativa. Stefano era nostro amico come lo sono tutte le persone che hanno bisogno, che vivono in strada. A loro cercheremo di dare un po’ di conforto e di affetto. La speranza è che l’iniziativa di stasera possa ripetersi nel tempo, magari coinvolgendo altre persone desiderose di dare una mano a chi è più emarginato».

La prossima settimana intanto, partiranno i lavori per la realizzazione della Casa di Francesco una struttura per l’accoglienza dei meno forrunati, aperta a tutti, che sorgerà proprio alle spalle della chiesa. «Ci auguriamo – aggiunge don Peppinodi poter ultimare presto i lavori per iniziare ad ospitare nella nostra casa tutte le persone che vivono momenti di estrema difficoltà e che spesso sono costretti a dormire in strada, all’addiaccio, perché soli e senza un posto dove andare».
Daniela Faiella.

In corso la prima lotteria di beneficenza pro La Casa di Francesco.

L’intero ricavato della vendita dei biglietti verrà destinato alla realizzazione delle opere di La Casa di Francesco. Il nostro obiettivo è di offrire primaria e gratuita accoglienza alle persone bisognose di vestiti, igiene personale e di cure mediche per ridare dignità e speranza attraverso la condivisione e la solidarietà.

Negli ultimi mesi tantissimi hanno chiesto come aiutare e sostenere l’iniziativa, questo è il momento di aiutarci! Non ti chiediamo di acquistare semplicemente un biglietto della lotteria, ma di aiutarci nella vendita degli stessi. Ritira gratuitamente, e senza nessun impegno, il tuo blocchetto di biglietti della Lotteria Casa Francesco presso la parrocchia San Francesco di Paola di Scafati.

Un piccolo impegno da parte tua un grosso dono per La Casa di Francesco ed i suoi futuri ospiti.

Ancora pochi giorni ed il nostro sogno, divenuto oramai anche il vostro, diverrà realtà. Il 4 dicembre prossimo, infatti, presso i locali della parrocchia San Francesco di Paola di Scafati verrà posata simbolicamente la cosiddetta “prima pietra” per decretare l’inizio dei lavori per la realizzazione della Casa di Francesco.

Alla manifestazione sarà presente il nostro parroco, don Peppino De Luca, che ha fortemente voluto e sostenuto questa iniziativa, il nostro Vescovo Padre Beniamino e le autorità civili della città.

Appuntamento per le 19.30… vi aspettiamo numerosi per festeggiare insieme a noi questo grande traguardo!!! Non mancate!